home staging

Preparare un immobile per la vendita o l’affitto aiuta a collocarlo più velocemente

 

Valorizzare gli spazi dell’immobile migliorandone l’immagine agli occhi del possibile acquirente.

L’home staging attua –mette in scena, dall’inglese– piccoli cambiamenti, non necessariamente permanenti, per offrire un colpo d’occhio accattivante su un ambiente da vendere o affittare, mettendone in luce le potenzialità. È un’arte e una competenza professionale.

Spostare o rinnovare a costi contenuti gli arredi di un appartamento è ormai riconosciuta come una tecnica di marketing piuttosto rapida da attuare, ma dai grandi vantaggi in termini di tempo e valore nella conclusione di una vendita.


Qualche dato: da 282 giorni a 64 per la vendita

Dati di Banca d’Italia e Tecnoborsa per l’anno 2017 danno una permanenza media di 282 giorni sul mercato di un immobile prima della sua vendita e un ridimensionamento fino a 64 dopo un intervento di home staging.

Rifare il look ad una abitazione, un po’ rapidamente e in modo non invasivo, quindi, rende.

Il vantaggio è evidente pensando anche al calo del prezzo di vendita che aumenta col trascorrere del tempo che l’immobile passa invenduto sul mercato: solitamente è del 16%, mentre dopo un piccolo rinnovo è di circa solo l’8%.


Perché. Distinguersi: immagine e prima selezione online

Tra le centinaia di case in vendita è fondamentale attirare velocemente l’attenzione sul proprio immobile, distinguersi.

La prima scrematura avviene ormai online ed è imperativo che uno dei primi click sia sul nostro immobile o meglio sulla fotografia principale e su quelle interne al nostro annuncio di vendita.

Vendere casa da privato richiede determinazione, metodo e serietà: maggiore attenzione viene dedicata ai dettagli preparatori di una presentazione e di una trattativa, meno tempo si impiegherà a concludere, e con maggiore vicinanza al prezzo che si vuole ottenere.

Le fotografie dell’appartamento, della casa o dell’esercizio commerciale in vendita devono valorizzare ciascun ambiente, perché il tempo che si potrà dedicare al primo sguardo è fondamentale ed è sempre poco: attenzione quindi alla direzione di inquadratura dello scatto e alla scelta dei giochi di luce naturale o artificiale.

Piuttosto è meglio affidarsi ad un professionista, sarà un investimento tutto sommato contenuto e di grande efficacia sul risultato finale.

Visto, piaciuto: come ti trasformo casa

A fotografie gradevoli dovrà seguire l’accoglienza in un ambiente che metta davvero in risalto le proprie potenzialità: non tutti, per indole o per tempo, hanno la capacità di vedere un ambiente “come sarà dopo la mia personalizzazione”.

Si calcola che un potenziale acquirente decida l’acquisto nei primi 90 secondi dall’ingresso nell’immobile per la prima volta.

L’home staging si rivela quindi decisivo e non bisogna pensare comporti necessariamente costi elevati per lo studio e la realizzazione.

È necessario innanzitutto comprendere che non sempre il futuro acquirente utilizzerà gli spazi come noi e che il gusto è in veloce trasformazione in direzione di spazi e arredi poco ingombranti e pareti non troppo cariche di decori.

Mostrare spazi interni non troppo personalizzati è spesso di grande aiuto al futuro acquirente.

Non a caso l’home staging –come tecnica e professione– è nato negli Stati Uniti ed è ora anche in Europa e in Italia una professione in crescita.

Come. Fai da te o home stager professionista

Vendere casa da privato –mancando spesso competenze professionali specifiche– richiede maggiori attenzioni.

Ma, anche affidandosi ad una agenzia, è bene mettere a budget e realizzare anche solo piccole azioni di home staging.

E avere l’umiltà di affidarsi a professionisti se si ritiene di non avere occhio per le tendenze del mercato o soprattutto di non avere il tempo di progettare un piano di lavoro e realizzarlo.

Pubblicizzare male un immobile è infatti uno dei primi errori da non commettere.

E non ristrutturare, o rinfrescare gli ambienti, prima di vendere può allo stesso modo rivelarsi spesso un errore. Anche l’occhio vuole la sua parte e ambienti troppo vissuti, poco luminosi e affollati di arredi non si lasciano apprezzare e non danno la reale percezione degli spazi disponibili.

Home Staging ltalia e Home Staging Lovers 

La fortuna del canale televisivo Fine Living accredita presso il consumatore italiano non solo una passione, ma anche la consapevolezza di una professionalità.

Fatte le debite proporzioni è chiaro che non è mai un vantaggio improvvisarsi in una professione, soprattutto in rapporto alla rapidità e consistenza dei risultati che si vogliono ottenere.

Home stager si diventa: si studia, attraverso corsi specifici; si acquisisce una deontologia e una competenza tecnica e legislativa; e si fa pratica con altri professionisti.

In Italia esistono numerose realtà accreditate per la formazione e in particolare due che raggruppano e garantiscono la professionalità degli home stager affiliati: Home Staging Italia e Home Staging Lovers.


 

Leggi gli altri articoli della guida “Vendere Casa da Privato”:

  1. Home Staging: come rendere attraente un immobile
  2. Vendere un immobile: documenti necessari
  3. Come valutare un immobile per la vendita
  4. Marketing Immobiliare: strategia e pianificazione
  5. Tassazione e fiscalità immobiliare

Si ringrazia per la collaborazione vendesicasaprivatamente.it

 


 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento!
Digita il tuo nome